ROI: Gli errori più comuni commessi nel calcolo del ROI

La tua azienda è pronta a fare un grande acquisto: una flotta di macchine, un pezzo di attrezzatura per la produzione, un nuovo sistema informatico. Ma, prima che qualcuno scriva un assegno, è necessario calcolare il ritorno sull’investimento (ROI) confrontando i benefici attesi con i costi.

Analizzare il ROI

Analizzare il ROI non è sempre così semplice come sembra e c’è un errore che fanno molti manager: confondono denaro e profitti.

Questa è una distinzione importante perché se si configura un profitto in denaro nei calcoli del ROI, è probabile che si mostri un rendimento molto migliore di quello che è possibile aspettarsi nella realtà. Quindi tieni a mente: il profitto non è la stessa cosa del denaro.

Certo, potresti già saperlo, ma le persone che non hanno studiato finanza e spesso trovano questa affermazione confusa. Se un’azienda guadagna un profitto di € 500.000 in un anno solare, non dovrebbe avere € 500.000 in più in banca il 31 dicembre di quanto non avesse fatto il 1 ° gennaio di quell’anno?

La risposta è no, non necessariamente. Il profitto e il contante sono in realtà due animali diversi. Il profitto appare sul conto economico della società. Indica ciò che è rimasto dopo che tutti i costi e le spese che sono stati sottratti dalle “entrate” (ricavi) della società. Ma, non è direttamente correlato al denaro.

Ad esempio, le “entrate” (ricavi ) non sono un numero in contanti: una società può registrare le entrate ogni volta che spedisce un bene o fornisce un servizio a un cliente, indipendentemente dal fatto che il cliente abbia pagato o meno il conto. Anche alcuni di questi costi e spese non sono a pagamento. Le dichiarazioni dei redditi includono quasi sempre una detrazione per l’ammortamento dei beni capitali.

Le transazioni in contanti, nel frattempo, compaiono sul rendiconto finanziario. Tale dichiarazione registra il denaro generato dalle operazioni di una società e il denaro speso per tali operazioni; denaro speso per beni capitali (e denaro generato dalla vendita di beni capitali); e denaro ricevuto da, o versato a, finanziatori e azionisti.

Gli errori più comuni commessi nel calcolo del ROI – Esempi

Un errore comune nell’analisi del ROI è la comparazione dell’investimento iniziale, che è sempre in contanti, con i rendimenti misurati dal profitto o (in alcuni casi) dai ricavi. L’approccio corretto è sempre quello di utilizzare il flusso di cassa, cioè la quantità effettiva di denaro che si muove dentro e fuori da un business per un periodo di tempo.

Diamo un’occhiata a un esempio: una società di produzione di medie dimensioni vuole sapere se investire in una nuova struttura da € 10 milioni. L’impianto genererebbe ulteriori € 10 milioni di entrate e € 3 milioni di profitti all’anno. A prima vista, il rendimento è eccellente: il 30% ogni anno. Ma, il profitto non è il flusso di cassa.

Ad esempio, quando l’impianto inizia a funzionare, potresti dover spendere altri € 2 milioni in inventario. Potresti anche scoprire che i tuoi crediti esigibili – ciò che i clienti ti devono per servizi resi o prodotti consegnati successivamente, aumentano per esempio di € 1 milione; il flusso di cassa incrementale nel primo anno sarebbe effettivamente pari a € 0.

Gli investimenti in inventario ed i crediti esigibili sono indicati nel bilancio di una società (“istantanea” della posizione finanziaria di una società in un determinato momento) e sono inclusi nel capitale circolante netto finanziario, cioè gli impieghi dei “fondi” utilizzati nell’attività di un’impresa, spesso definiti come attività a breve termine – meno passivo a breve.

Un alto capitale circolante netto finanziario, potrebbe anche esprimere l’impiego di molte risorse in attivita’: impieghi liquidi (cassa, banca), ma anche voci come il magazzino e crediti non immediatamente disponibili, che potrebbero mettere in discussione l’effettiva liquidita’ aziendale e vanno sempre analizzati con attenzione.

I requisiti del capitale circolante sono in genere incorporati in un modello Excel che utilizzerai per calcolare il ROI, quindi non devi preoccuparti di questi. Ma, è necessario comprendere l’importanza di confrontare i rendimenti in contanti con esborsi in contanti. Mele alle mele, e così tutto il resto.

Occasionalmente le aziende analizzano gli investimenti in termini di effetto sulle entrate. Questo perché molte giovani aziende si concentrano sul raggiungimento di determinati obiettivi di fatturato per soddisfare i propri investitori, ma i dati sulle entrate non dicono nulla sulla redditività, per non parlare del flusso di cassa.

La vera analisi del ROI deve convertire i ricavi in ​​profitto e il profitto in denaro.

Passaggi fondamentali dell’analisi del ROI

Una volta che hai compreso la distinzione tra denaro e profitto, puoi capire meglio i quattro passaggi fondamentali dell’analisi del ROI.

  1. Determinare l’esborso iniziale di denaro. Di solito questa è la parte più semplice dell’analisi. Si sommano tutti i costi dell’investimento. Ciò include articoli quali costi delle attrezzature, costi di spedizione, costi di installazione, costi di avviamento, formazione per le persone coinvolte e così via. Tutto ciò che serve per far funzionare il progetto deve essere parte delle spese iniziali in contanti.
    Se stai solo acquistando una nuova macchina, è abbastanza facile stimare tutti i costi. Un progetto o un’iniziativa che potrebbe richiedere diversi mesi sarà più difficile.
  2. Previsione dei flussi di cassa dall’investimento. Questo passaggio è la parte più difficile. È necessario stimare la liquidità netta generata dall’investimento, tenendo conto di variabili quali l’aumento del capitale circolante, le variazioni delle imposte, le rettifiche per le spese di non-cash e così via. Mettere i flussi di cassa su un calendario ti consentirà di stimare i rendimenti anno per anno o mese per mese. La maggior parte del tuo tempo sarà spesa per questo passaggio. È qui che il dipartimento finanziario della tua azienda porrà le domande più difficili e scruterà attentamente le tue stime e ipotesi.
  3. Determinare il rendimento minimo richiesto dalla tua azienda. Il tasso minimo di rendimento è spesso definito un ostacolo, ed è determinato dal dipartimento finanziario della tua azienda. Le aziende possono avere più di un hurdle rate a seconda del rischio coinvolto negli investimenti proposti. I finanziatori determinano i tassi minimi osservando il costo del capitale della società, il rischio coinvolto in un determinato progetto e il costo opportunità di rinunciare ad altri investimenti.
  4. Valutare l’investimento. Questo è il passo finale. È possibile utilizzare uno o più dei quattro metodi di calcolo del ROI: rimborso, valore attuale netto, tasso di rendimento interno e indice di redditività. I risultati ti diranno se l’investimento proposto offre un rendimento più o meno elevato rispetto all’hurdle rate dell’azienda. Alcuni dei calcoli ti aiuteranno anche a confrontare questo investimento con possibilità di investimento alternative.

Mentre questi sono i passaggi di base, c’è molto di più per farlo bene.

Devi tenere conto del valore temporale del denaro. Devi stimare i rendimenti in base al flusso di cassa invece del profitto.

Devi conoscere i tassi minimi di rendimento della tua azienda e devi determinare quale metodo di calcolo del ROI è il migliore per il tuo progetto.

Formula del ROI

La formula per calcolare il ROI è la seguente: ROI = Utile gestione caratteristica / Capitale investito netto, ma i fattori e gli indici che un’azienda deve tenere in considerazione vanno ben oltre la formula.

N.B.
Per “utile gestione caratteristica” intendo il margine operativo netto (EBIT), cioe’ il margine operativo lordo detratti gli ammortamenti e accantonamenti , esprime il risultato economico della trasformazione attuata dall’impresa con la sola gestione caratteristica, senza considerare aspetti finanziari, straodinari, fiscali.

Calcolo del ROI: Gli errori più comuni commessi nel calcolo del ROIhttps://www.consiglioweb.com/wp-content/uploads/2017/12/ROI-Calcolo-del-ROI-Gli-errori-più-comuni-commessi-nel-calcolo-del-ROI-analisi-del-ROI-Formula-del-ROI-Esempi-1024x576.jpghttps://www.consiglioweb.com/wp-content/uploads/2017/12/ROI-Calcolo-del-ROI-Gli-errori-più-comuni-commessi-nel-calcolo-del-ROI-analisi-del-ROI-Formula-del-ROI-Esempi-100x100.jpgDavide Puzzoconsiglio aziendeamministrazione aziendale,analisi di bilancio,bilancio d'esercizio,consulenza aziendaleROI: Gli errori più comuni commessi nel calcolo del ROI La tua azienda è pronta a fare un grande acquisto: una flotta di macchine, un pezzo di attrezzatura per la produzione, un nuovo sistema informatico. Ma, prima che qualcuno scriva un assegno, è necessario calcolare il ritorno sull'investimento (ROI) confrontando...CONSIGLIO WEB consiglioweb utile, consulenza aziendale, strategia aziendale, analisi e controllo, consiglio contabile, web marketing, legale GDPR,  consiglio generale per lavorare meglio
Se ti e' piaciuto ti invito a condividere. Grazie