Analisi di bilancio per indici – indici di rotazione

Oggi vi parlo di due indici di rotazione. Questi indicatori importanti nell’analisi di bilancio per indici  sono l’indice di rotazione del magazzino e l’indice di rotazione dei crediti. Analizzerò questi due indici relativi all’attivo patrimoniale dello Stato Patrimoniale del bilancio aziendale.

L’ultimo valore che di solito viene considerato prima della chiusura del bilancio d’esercizio aziendale, prima delle imposte è la voce del magazzino merce, che prevede anche la valutazione dei lavori in corso.

Il magazzino è una posta “determinante” nel calcolo dell’utile o della perdita finale aziendale prima del calcolo delle imposte specialmente nelle piccole e medie imprese.

E’ un valore di stima delle rimanenze di merce, dei prodotti in corso, dei prodotti finali che sono valutati secondo criteri di valutazione prescelti. L’aspetto su cui voglio soffermarmi, non e’ tanto la scelta di un criterio rispetto all’altro ma del “significato” di questa voce nel bilancio, perchè è oggetto di interesse da parte di certi stakeholders (finanziatori, fornitori, banche) vi state chiedendo la motivazione?

Analisi di bilancio per indici – indice di rotazione del magazzino

Si tratta di bilancio gonfiato, un bilancio con problemi?

A volte non si tiene conto del principio della prudenza. Si tratta di aumentare delle poste per fare una bella figura nei confronti degli interessati soprattutto nei confronti delle banche, portando in utile l’azienda per via delle rimanenze finali di merci.

Dovete sapere che le banche o chi ha bisogno di fare analisi finanziarie su di voi, analizza ogni voce di bilancio, dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico, soprattutto certi conti di bilancio e raggruppamenti di voci che hanno un significato importante per verificare soprattutto se siete “corretti”.

Verificano lo stato di indebitamento, la liquidità a a breve e lungo termine, gli equilibri economici, se ci sono utili e margini, “pesano” gli oneri finanziari, il ricorso a finanziamenti esterni, il capitale presente, l’attivo patrimoniale a disposizione, i capitali  e molto altro, poi c’è la famosa centrale rischi .

Tutto questo, serve a verificare quanto l’azienda e’ bancabile, riesce a rimborsare certi finanziamenti o garantire la banca di certi rientri di fidi concessi, riesce a rimborsare le rate del finanziamento nel corso di tutta la durata del piano di finanziamento? La banca guarda questo, per fare questo è necessario fare una valutazione con un’analisi di bilancio per indici e flussi.

Oggi come oggi l’azienda per essere bancabile ha bisogno di essere analizzata, controllata, portata in equilibrio patrimoniale, finanziario ed economico controllando periodicamente il bilancio ed effettuando continui aggiustamenti se necessario, l’azienda ormai deve avere una certa cultura bancaria.

Non e’ piu’ permesso di andare in banca a pregare per un prestito perchè non hai la liquidità sufficiente perchè i clienti saltano i pagamenti, non puoi chiedere soldi se non ne hai a disposizione! Sei stupito di questo?

Le banche sono sempre piu’ rigide su questo, finanziano solo chi ha progetti di investimento, di crescita e sa dare loro la sicurezza che un’eventuale concessione o finanziamento saranno restituiti negli anni con una certa garanzia, ecco che molto spesso le banche se non hanno abbastanza fiducia nel cliente chiedono garanzie personali su certi investimenti.

Perche’ vi parlo di banche, perchè le banche sono le principali fonti di finanziamento e sostentamento delle aziende, e naturalmente sanno, che uno dei punti in cui le aziende intervengono per essere piu’ “presentabili” e’ proprio la voce del magazzino merce.

L’indice di rotazione di magazzino esprime il numero di volte in cui, in un certo periodo di tempo, il materiale si “rinnova” o “ruota” in magazzino, misura quante volte un’azienda vende le proprie rimanenze in un certo periodo di tempo (di solito annuo).

Un indice di rotazione annuale pari a 4 significa che il materiale ruota quattro volte in dodici mesi: dopo un primo carico a magazzino ed un successivo scarico, vi è un secondo ricevimento con conseguente scarico ed infine un terzo e un quarto carico e scarico.

Un elevato numero dell’indice di rotazione significa che le scorte ruotano molte volte (o velocemente); un indice di rotazione basso, significa invece che le scorte rimangono più “ferme” o ruotano più lentamente (da vedere e analizzare la motivazione di questo).

Il calcolo dell’indicatore è piuttosto semplice e si ottiene con questa formula  approssimativa  rapportando il valore del magazzino dello Stato Patrimoniale con il costo del venduto (Cdv) dato dagli acquisti di merce alla voce B6 del Conto Economico sommati alla variazione delle rimanenze B11

La formula così riassunta dell’indice di rotazione del magazzino:           magazzino/Cdv

Il tempo di giacenza media in giorni si ottiene rapportando: 365 / Indice di rotazione.

Quando il valore delle giacenze è troppo elevato, l’indice da un risultato poco credibile considerando poi la tipologia di azienda e cosa produce bisogna stare attenti e fare certe valutazioni.

Tenete poi conto che questo e’ un indicatore di coerenza negli studi di settore, un magazzino sopravvalutato insospettisce anche il Fisco.

Analisi di bilancio per indici – indice di rotazione dei crediti

Hai mai sentito parlare dell’ indice di rotazione dei crediti, è un indicatore molto importante da considerare con attenzione nella gestione dell’azienda, considera una posta attiva dello Stato Patrimoniale il conto Credito v/clienti dell’attivo.

L’indice di rotazione dei crediti è dato dal rapporto tra i Crediti verso clienti e ricavi di vendita alla voce A1 del Conto Economico riclassificato e misura il numero di volte in cui il il portafoglio dei crediti si è rinnovato. La misurazione di tale indice è necessaria perchè, anche a parità di Ricavi e di vendite, una sua variazione può dipendere da un aumento della difficoltà d’incasso dei crediti con un peggioramento dell’efficienza commerciale.

Per determinare poi la stima dei giorni di durata media dei crediti bisogna effettuare il rapporto tra crediti verso clienti e ricavi delle vendite moltiplicati per 365 gg. L’Indice misura i giorni di dilazione media per i vostri clienti.

Un valore basso di questo Indice rispetto alla concorrenza evidenzia una maggior efficienza nella gestione dei crediti.

Questo potrebbe raggiungere per esempio i 60-70 giorni concessi ai clienti, per l’incasso delle fatture e potrebbe raggiungere valori molto elevati nel caso di vecchissimi crediti incagliati ancora da incassare, crediti inesigibili o anche per pagamenti con la Pubblica Amministrazione.

Pertanto tramite questo indicatore si può fare una prima considerazione sulla valutazione della capacità finanziaria di un’azienda, che puo’ essere fatto anche per i vostri clienti se avete in mano un loro bilancio.

E’ utile inoltre effettuare anche il calcolo dell’indice di rotazione dei debiti e il calcolo dei giorni medi di pagamento, questo di permetterà di fare delle considerazioni confrontandoli con gli incassi per verificare se c’e’ una corretta pianificazione degli incassi dei pagamenti e se eventualmente può essere migliorata ulteriormente.

Hai potuto vedere come dall’incrocio di alcuni elementi apparentemente positivi che spesso raggiungono valori elevati in un bilancio si possono trarre delle conclusioni sull’andamento aziendale, una cifra importante di crediti non è sempre sinonimo di azienda liquida che gode di buona salute.

L’azienda e’ un insieme di equilibri delicati che vanno conosciuti e mantenuti costantemente per non incorrere in problemi piu’ gravi, e’ fondamentale per una PMI iniziare a fare un certo tipo di controllo sul proprio bilancio, in quanto potrai capire quali sono i tuoi punti deboli in termini finanziari, economici.

L’analisi di bilancio per indici permette di fare una serie di valutazioni approfondite tramite un incrocio di dati di bilancio, tutto sembra apparentemente a posto, invece troverai delle sorprese inaspettate, evitiamo il rischio di default se possibile, è necessario fare prevenzione aziendale.

Se hai bisogno di un’analisi di bilancio per indici per la tua azienda, per sapere se sei in una posizione di rischio, per verificare il tuo stato di salute, se sei in equilibrio patrimoniale, economico, finanziario, con la comparazione di N esercizi, posso farti un’analisi approfondita.

Vuoi capire e verificare i tuoi flussi nel breve e lungo termine, vedere se hai impostato correttamente i tuoi cicli monetari di incasso/pagamento posso aiutarti.

Vuoi inoltre elaborare i dati ufficiali dei tuoi concorrenti e verificare se godono di un’ottima salute, posso aiutarti a capire la loro posizione tramite un’analisi di bilancio per indici e flussi dei loro dati di bilancio se disponibili.

Fattura elettronica come funziona; cosa scegliere per l’azienda e lo studio

Dpo obbligatorio. Chi è il Data Protection Officer di cosa si occupa

Linkedin ACCEDI: accesso a linkedin, come iscriversi a Linkedin.

Analisi di bilancio per indici - indici di rotazionehttps://www.consiglioweb.com/wp-content/uploads/2018/07/Analisi-bilancio-per-indici-indici-di-rotazione.jpghttps://www.consiglioweb.com/wp-content/uploads/2018/07/Analisi-bilancio-per-indici-indici-di-rotazione-100x100.jpgMilena Martinatoconsulenza aziendaleanalisi di bilancio,analisi di bilancio per indici,bilancio d'esercizio,consulenza aziendaleAnalisi di bilancio per indici - indici di rotazione Oggi vi parlo di due indici di rotazione. Questi indicatori importanti nell'analisi di bilancio per indici  sono l'indice di rotazione del magazzino e l'indice di rotazione dei crediti. Analizzerò questi due indici relativi all'attivo patrimoniale dello Stato Patrimoniale del bilancio aziendale. L'ultimo valore...CONSIGLIO WEB consiglio web utile, consulenza aziendale, consulenza online bilancio,  strategia aziendale brand, analisi di bilancio per indici e flussi, consiglio contabile, strategia web marketing piano SEO, legale GDPR EU 679/2016 protezione dati con DPO,  consiglio web generale
Se ti e' piaciuto ti invito a condividere. Grazie